Molti esperti sostengono che le fiabe siano un potente strumento di gioia e allo stesso tempo un prezioso strumento didattico, attraverso il quale il bambino possa sviluppare positivamente un' educazione emotiva relazionale e raggiungere la propria conoscenza del sé.

La narrazione, oltre a riempire di magia la vita dei bambini, la riempie di saggezza.

Come nella vita, anche le favole esprimendo concetti come il bene, il male e il bisogno, rappresentano un percorso di crescita, un processo di individuazione pieno di difficoltà durante il quale non si ottiene “tutto e subito”. I racconti sono metafore dell’esperienza umana, aiutano i piccoli a pensare, a identificarsi con l'altro ed a scegliere. Le fiabe possono aiutare ad educare i piccoli al rispetto reciproco, e attraverso la fiaba il bambino può arrivare a conoscere la propria personalità.

Il bambino, identificandosi con il personaggio e nutrendosi delle sue qualità sceglie tra male e bene, e sceglie chi vuole essere.

Dalle fiabe i bambini possono imparare a:

  • apprendere dalla storia una o più “lezioni” e morali;

  • gestire le avversità;

  • gestire emozioni che li rendono più forti;

  • avere un linguaggio e dei valori comuni;

  • raccontare e comprendere la differenza tra realtà e finzione;

  • alimentare la fantasia e l’immaginazione;

  • liberare la creatività e la capacità di visualizzare elementi astratti;

  • pensare in modo critico.

“Le favole non servono per far sapere ai bambini che esistono i draghi. I bimbi lo sanno già. Le fiabe fanno capire ai più piccoli che i draghi possono essere uccisi.” - G.K. Chesterton

Fonte: http://www.quipsicologia.it/limportanza-delle-favole-nei-bambinie-non-solo/

comments powered by Disqus