I bambini tendono ad assomigliare ai propri genitori, non solo per cause genetiche e biologiche ma anche perché i piccoli sono frutto dell'esempio, delle abitudini, degli stimoli, delle indicazioni, degli atteggiamenti,  in una parola dell'educazione che i genitori trasmettono loro, sia in modo diretto che indiretto.

Pare altresì scontato che non ci sia una ricetta precisa o una scienza esatta che certifichi ciò o che comunque fornisca un “regolario” da seguire per una buona educazione; tuttavia quello che è certo è che quando i nostri figli tengono un atteggiamento di maleducazione, purtroppo questo deriva nella maggior parte dei casi da mancanze nel sistema educativo fornito dai genitori.

I bambini infatti, specialmente in età infantile, sono come delle spugne che assorbono ciò che direttamente gli sottoponiamo quotidianamente. Ma bisogna fare attenzione anche a ciò che da noi deriva indirettamente: essi sono talmente ricettivi che apprendono facilmente ed elaborano ogni tipo di atteggiamento, insegnamento, lezione, anche se non gli viene sottoposto in maniera diretta.

Ecco perché all'interno di questa delicata sfera ciò che appare estremamente utile è la presenza di un modello educativo positivo: i genitori. É attraverso l'esempio che ogni bambino prova, ricreando il modello a lui sottoposto, ad emulare più o meno frequentemente ciò che il genitore gli ha trasmesso.

Tutto ciò riconduce, almeno ad una prima analisi, al fatto che più i genitori mostreranno atteggiamenti ineducati, più il bambino tenderà a ripeterli. Ovvio poi che un sistema educativo sociale risulti al suo interno complesso e composto da tanti fattori che interagiscono tra di loro come il carattere, la personalità, le interazioni, le figure con cui i bambini si confrontano quotidianamente ecc.

Alla luce di tutto ciò tuttavia, in tempi in cui tutto è accelerato e dove i nostri bambini appaiono sempre più distratti e facilmente “influenzabili” da ciò che li circonda, è di fondamentale importanza fermarsi ad ascoltarli, osservarli, correggerli, divertirli, stimolarli e specialmente, come visto, cercare di fornire loro un esempio più concreto e positivo possibile per fare in modo che quella mela che cade vicino all'albero...almeno caschi bene!

comments powered by Disqus